La mille miglia arriva a Padova e punta su Castelfranco Veneto

Sostenuto dagli sguardi ammirati e dagli applausi di migliaia di appassionati, assiepati lungo la linea di partenza di Viale Venezia a Brescia, il corteo di 'nobildonne a quattro ruote' della Mille Miglia è partito e si sta muovendo verso Padova, traguardo della tappa d'apertura della 35esima rievocazione della Freccia Rossa, e 90esimo anniversario della prima mitica edizione. Le 450 vetture in gara sono ora in viaggio. Nello spazio e nel tempo. La "corsa più bella del mondo" (come la definì Enzo Ferrari) non è soltanto una bellissima avventura motoristica, ma rappresenta un vero e proprio 'ritorno al futuro' nella celebrazione di un'era automobilistica dal fascino ineguagliabile.
Questi capolavori di design e meccanica, costruiti prima del 1957 (l'anno dell'ultima edizione di velocità), daranno vita a una kermesse automobilistica senza paragoni, lungo circa 1.700 km di strade italiane, che sarà resa ancor più affascinante da altre 150 automobili - prodotte dopo il 1958 - partecipanti al "Ferrari Tribute to Mille Miglia" e al "Mercedes-Benz Mille Miglia Challenge", riservati a vetture in prevalenza moderne delle due Case.

Questa mattina, alle 8.30 terminate le verifiche, non si sono presentati due equipaggi. Sono stati quindi, sostituiti da equipaggi, tra i 19 in lista.
L'inchino alle signore della velocità è già iniziato ieri, quando una folla di appassionati e curiosi, giunti da ogni parte del mondo, si è raccolta in piazza della Vittoria ad ammirare da vicino le automobili schierate per il rito della punzonatura. Lungo il percorso gli spettatori cercano anche di salutare o semplicemente incrociare lo sguardo delle tante celebrities in corsa, dal numero uno della scuderia Mercedes di Formula 1 Toto Wolff ai campioni della velocità Arturo Merzario, Jean-Pierre Jarier, Jochen Mass e Adrian Sutil, dalle splendide Jodie Kidd, Cristina Chiabotto e Diletta Leotta, all'imprenditore e star della cucina in tv Joe Bastianich.

La colonna si spinge verso le sponde del lago di Garda per toccare prima Desenzano e poi Sirmione dove, in località Colombare, va in scena la prima delle prove cronometrate, sul tratto fra corso Matteotti e via Salvo D'Acquisto. In paese la carovana percorre la lingua di terra che si insinua nelle acque lacustri. La carovana si dirige alla volta di Moscatello, dove si tiene la seconda prova cronometrata. E di nuovo in passerella fino allo scollinamento in territorio veneto. Dopo un bagno di colori e natura nel lussureggiante Parco Sigurtà si tocca il delizioso borgo di Valeggio sul Mincio prima di risalire verso Verona per la terza crono di giornata, in piazza Bra, sullo sfondo imponente dell'Arena. Si lascia la città dell'amore e si vola tra la campagna veronese e vicentina, ai piedi dei colli, fino a raggiungere Montecchio Maggiore, e prima di approdare nella magnifica piazza dei Signori di Vicenza. Da lì le vetture coprono d'un fiato la distanza che conduce a Cittadella, Asolo e Castelfranco Veneto fino all'ultima 'parata' nel cuore di Padova, nell'immaginifico ovale di Prato della Valle.

"Un avvio strepitoso – commenta l'amministratore delegato di 1000 Miglia Srl Alberto Piantoni. La Lombardia e il Veneto ci hanno riservato un'accoglienza straordinaria. Senza dubbio anche i piloti, che arrivano da ogni parte del mondo, si sono goduti questa giornata inaugurale. D'altra parte il richiamo della corsa su una platea internazionale in costante crescita (gli iscritti quest'anno provengono da 43 Paesi) è la più eloquente testimonianza dell'appeal senza tempo della Mille Miglia, un brand che si identifica con l'eccellenza dal Made in Italy tra ambiente ed enogastronomia, fashion e ovviamente motori".