Domenica al teatro Verdi una mattinata di teatro canzone con Andrea Pennacchi e

Dopo i primi due successi con Serena Brancale e il suo progetto "SoulA", Marco Iacampo insieme a Sergio Marchesini, torna l'appuntamento della domenica mattina con le Matinée al Verdi, degustazioni culturali.
Domenica 30 aprile, in collaborazione con la Scuola Internazionale di Comics, andrà in scena ( ore 10.45) la pièce di teatro-canzone "Raixe storte" di e con Andrea Pennacchi, Giorgio Gobbo e i disegni di Vittorio Bustaffa: una galoppata tra i fatti più sanguinosi della storia del Veneto.
Una serie di brevi racconti e canzoni, illustrati al momento dallo splendido disegnatore Vittorio Bustaffa, come in un ideale Corriere Illustrato del Veneto oscuro, un'ora per dare uno sguardo all'altro lato della locomotiva d'Italia. Una galoppata tra i fatti più sanguinosi della storia del Veneto, un antidoto al mito dei bei tempi antichi ("co se copava i peoci co i pichi"), dell'età dell'oro della polenta e tocio che sgorga dalle sorgenti del Po, ma anche a quello dei veneti buoni e coglioni, o solo storpiati dalla miseria e dalla pellagra.

Un vero e proprio antidoto al mito dei vecchi tempi, dell'età dell'oro della polenta e tocio che sgorga dalle foci del Po, ma anche quello dei veneti buoni e coglioni o storpiati dalla miseria e dalla pellagra. Una sana dose di storytelling omeopatico, per conoscere il lato noir del Veneto, dai tagliagole delle paludi dei Celti ai serial killer di oggi, da morire dal ridere.
Un'occasione di incontro sociale e culturale rivolta ad un pubblico diverso rispetto a quello serale, conferendo allo storico e prestigioso teatro padovano un'atmosfera più giovane e informale. La breve visita all'interno del Verdi regala lo scorcio suggestivo di un teatro vuoto e maestoso fino ad accompagnare il pubblico all'interno dello spazio del Ridotto per assistere allo spettacolo. Alla fine dello spettacolo i partecipanti potranno godere di una degustazione di vini e prodotti locali d'eccellenza grazie alla partnership di aziende agricole e vinicole dei Colli Euganei
La manifestazione è il collaborazione con il Comune di Padova e con la direzione artistica e organizzativa dell'Associazione culturale Play, giovane realtà nata dall'idea di mettere in relazione la cultura con le eccellenze del territorio. Numerosi i partner di questa seconda edizione da GBR Rossetto alla Scuola Internazionale di Comics - a cui si affiancano importanti collaborazioni e partnership (Teatro Stabile del Veneto, Coldiretti Padova, Scuola di Musica Pentagramma) e tecniche (Veneto Suoni, Consorzio dei Vini Colli Euganei, Pasticceria Giotto dal Carcere di Padova) oltre a una fitta rete di ristoranti, aziende agricole e vinicole dei Colli Euganei (Belle Parti, Chez Moi, Trattoria Gaia, Fattoria Ponchio, Arzarello, Agriturismo la Primizia).

Per lo spettacolo è previsto un biglietto unico di 10 euro (Ridotto 8 euro abbonati al Teatro Verdi), che include anche la degustazione e promenade all'interno del Teatro Verdi, fino ad esaurimento dei posti disponibili.Si consiglia la prenotazione scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., www.associazioneplay.it

Il cielo sopra Padova, una visita guidata da far girare la testa organizzata da Bas Bleu illustration: primo atto venerdì 28

Cacciatori di stelle siete pronti a rimettervi in cammino? La primavera è la stagione ideale per intraprendere un sorprendente viaggio tra astronomia, arte e storia. A piedi e in bicicletta. Osservare il cielo di giorno? La città è piena di stelle, sui sottoportici, nelle chiese, sulle facciate dei palazzi.

Venerdì 28 aprile ricominciano le visite guidate al cielo che si nasconde tra portici, piazze e monumenti di Padova. Il calendario è fitto di appuntamenti e invita a riscoprire la città con occhi nuovi. Dagli Eremitani al Caffè Pedrocchi fino all’Orologio di Piazza dei Signori, passeggiando tra stelle, cieli e pianeti dipinti e lasciando spazio allo stupore.

Bas Bleu Illustration inaugura la bella stagione proponendo percorsi differenziati, in bici e a piedi, per venire incontro alle esigenze e alle passioni di tutti.

Questo nuovo ciclo di visite guidate si inserisce nella rassegna Specola 2.5.0, che celebra i 250 anni dell’Osservatorio astronomico di Padova, e segue l’itinerario della guida Seconda stella a destra. Guida al cielo nascosto a Padova, curata da Bas Bleu Illustration con Leopoldo Benacchio, astronomo ordinario Inaf. «Dall’Osservatorio ho potuto abbracciare con lo sguardo la splendida posizione della città», scriveva Goethe nel 1786.

CALENDARIO VISITE GUIDATE AL CIELO DI PADOVA 

Venerdì 28 aprile, alle 17.30, in bici (partenza da Prato della Valle)

Sabato 6 maggio, alle 10, a piedi (partenza dagli Eremitani)

Venerdì 2 giugno, alle 18, a piedi (partenza dagli Eremitani)

Mercoledì 21 giugno,dal pomeriggio a mezzanotte. Presentazione della guida per bambini Padova città di cielo, laboratori ed eventi

Mercoledì 12 luglio, alle 18.30, in bici (partenza dal Pedrocchi)

Venerdì 29 settembre, in occasione della Notte europea dei ricercatori

 

Contributo richiesto:

Standard: 12 euro 
Famiglie (2 adulti e 2 bambini sotto i 12 anni): 20 euro 
Studenti dell'Università di Padova: 8 euro

 

Buona la prima per "Este in fiore" la grande rassegna organizzata da World Appeal

Buona la prima per l'Este in Fiore by night. Ieri sera per la Notte dei Fiori negozianti, ristoratori e pubblici esercenti hanno fatto rete per valorizzare il grande evento di questo ponte primaverile. Serrande alzate fino alle 23.30 e cocktail a tema floreale per una notte bianca che era iniziata nella biosfera di Piazza Maggiore con un divertente live cooking show dello chef e scrittore piemontese Diego Bongiovanni sul tema dei fiori nella cucina. Grande successo hanno riscosso anche le visite notturne al Castello Carrarese e ai monumenti e luoghi caratteristici della cittadina medievale, ai quali hanno preso parte più di cento persone.

Oggi la kermesse ha proseguito il suo percorso tra espositori, laboratori di danza e riciclo creativo, conferenze sull'ikebana (l'arte giapponese di comporre con i fiori) e moltissime attività dedicate ai più piccoli, come il tree climbing e lo spazio dedicato all'incontro con i pony. Il tutto addolcito da un sottofondo musicale di arpe, distribuite all'interno dei Giardini del Castello e per le vie e le piazze del centro storico.

Proprio nel centro storico erano presenti cento commercianti di piante e fiori, un'esplosione di colori e profumi che ha esaltato i bellissimi profili dei palazzi storici, dei monumenti e delle piazze.

Un dato preciso circa l'affluenza complessiva potrà essere fornito nella serata di martedì. La stima delle presenze fino al tardo pomeriggio di oggi si aggira attorno alle 55-60.000. Tantissimi i visitatori da fuori regione, con gruppi numerosissimi provenienti dal ferrarese, dal Friuli e dal Trentino che hanno sostato per più di un giorno, per la gioia di albergatori e ristoratori.

Domani l'esposizione florovivaistica verrà disallestita e Este in Fiore si preparerà per gran finale di martedì 25 quando sbocceranno nuovamente laboratori e attività legate soprattutto al mondo dell'arte.

Ieri, intanto, tra gli oltre 180 espositori sono stati decretati i tre vincitori del concorso "Miglior Espositore 2017", tra i quali anche un'azienda florovivaistica di Carceri (Pd) alle porte di Este.

I premi sono stati così divisi per categoria:

1. Premio per il miglior allestimento stand espositivo all'azienda Floricoltura Geel di Enrico Parolo con sede a Carceri (PD), proprio alle porte di Este - stand n. 77.
2. Premio per la particolare attenzione dimostrata dall'azienda nei confronti dell'ambiente all'azienda Floricoltura Edelweiss di Piumatto Livio, Villar San Costanzo (CN) - stand n. 12. Il titolare è, tra le altre cose, assessore al turismo e al verde pubblico del Comune di Villar.
3. Premio per la particolare cura dimostrata dall'azienda nel comunicare le proprie peculiarità come azienda vivaistica all'azienda Mondo Cactus di Andrea Cattabriga, San Lazzaro di Savena (BO) - stand n. 18.

Il Sindaco Gallana: "Far parte della giuria e conoscere uno per uno gli espositori di Este in Fiore 2017 è stato un vero piacere. Ho trovato molta qualità, grande passione per il lavoro, molti spunti innovativi, pur salvaguardando le tradizioni, grande attenzione per entità botaniche di particolare rarità e l'impegno costante a coltivare con metodi naturali e rispettosi dell'ambiente.
Ringrazio la giuria per la competenza, la preparazione e per l'attenzione che ha dedicato a ciascuno. Mi complimento con i vincitori, con il giovane Enrico Parolo di Floricoltura Geel – che con sorpresa ho scoperto essere di Carceri - per la preparazione e la passione con le quali svolge il suo lavoro, con Mondo Cactus per la simpatia e la competenza e con Edelweiss - il cui titolare è anche assessore al turismo e al verde pubblico del Comune di Villar in provincia di Cuneo - per l'originalità e l'attenzione alle piante rare e preziose. Ho ricevuto dagli espositori riscontri positivi sia in riferimento alla gratuità dell'ingresso all'area espositiva, sia rispetto all'organizzazione e all'accoglienza ricevuta".

Al Pedrocchi da venerdì lo spritz verde

Venerdì 21 aprile, a partire dalle ore 19.00, il Caffè Pedrocchi presenta in anteprima nazionale il nuovo P31 Green Spritz, l’alternativa green&healthy agli aperitivi tradizionali nata grazie alla Ricerca e Sviluppo del gruppo (F&DE Group – SDP Host) che gestisce il Caffè jappelliano e destinata al bancone dei migliori bartender italiani.

Prima location in Italia dove scoprire il gusto fresco del nuovo aperitivo 100% italiano, il Caffè Pedrocchi tiene a battesimo il P31 Aperitivo Green (ingrediente base del P31 Green Spritz), novità assoluta nel mercato degli aperitivi.

Dopo il successo di Caffè e Torta Pedrocchi, entrati nel cuore della tradizione padovana, e dell’Aperitivo Pedrocchi con Gin e Sangue Morlacco, anche P31 Green Spritz, con i suoi ingredienti di qualità, nasce nel cuore di quel Veneto che ha reso lo Spritz uno dei drink più amati in qualunque momento della giornata e ambisce a diventare il nuovo must degli aperitivi italiani.

P31 Green Spritz vanta un gustoequilibrato frutto del mix tra la freschezza del Prosecco e il bouquet complesso di P31 Aperitivo Green, caratterizzato dalla dolcezza di Camomilla, Tiglio, Arancio Dolce e Vaniglia, le note speziate di Chiodi di Garofano, Zenzero e Cannella, la vivacità di Coriandolo, Maggiorana e Assenzio, e il sapore deciso di Rabarbaro, Tamarindo e Genziana.

Con la presentazione di P31 Green Spritz si apre la nuova stagione del Plateatico del Caffè Pedrocchi, che accompagna il nuovo drink “re dell’aperitivo” con la selezione enogastronomica della Pedrocchi Chic Night, a base di cicchetti di pesce, fritturine, seppioline e sarde, crostini con il baccalà, e polpette e tramezzini con salumi e formaggi locali.

Per info e prenotazioni:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." style="text-decoration: none;">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  | tel 049 8781231

p31aperitivogreen.com

 

Rock targato Italia arriva al Greenwich pub di Curtarolo il 23 e 30 aprile

Rock Targato Italia arriva a Padova per le selezioni dell’area Veneto - Friuli Venezia Giulia in due imperdibili date, il 23 e il 30 aprile presso il Greenwich di via S. Andrea 48 – Curtarolo (PD).  Dalle ore 21.00

Durante la prima serata del 23 aprile sono sette gli artisti che suoneranno sul palco brani propri e originali. Alla fine delle due serate si sapranno i nomi degli artisti che parteciperanno alla finale nazionale di Rock Targato Italia prevista a Milano nel mese di settembre:

ROCK RESCUE 811 (Trieste), MASSIMO FRANCESCON BAND (Treviso), IL FINE(Treviso), BLEND (Vicenza), LA VIA (Padova), SOUL’S FIRE (Vicenza) e THE CRYSTAL BRICKS (Padova).

I vincitori del Contest si aggiudicheranno un contratto di promozione stamparadio e tvcon l’agenzia di comunicazione Divi In Azione Milano e la partecipazione allacompilation Rock Targato Italia.

Rock Targato Italia è da sempre un contest che punta i riflettori su artisti che amano la musica autentica e originale e si esprimono attraverso essa, con particolare attenzione alla creazione di canzoni inedite.

La manifestazione, giunta alla sua XXIX edizione, è allo stesso tempo un contest ma anche un vero e proprio concerto in tour, in quanto offre agli artisti la possibilità di suonare brani propri davanti ad un pubblico reale nei club di tutta Italia. Nel corso degli anni molte band e cantanti affermati hanno iniziato la loro carriera calcando il palco di Rock Targato Italia. Tra i più importanti: TimoriaMarlene KuntzNegramaroLigabueLitfibaLe VibrazioniSubsonicaCarmen ConsoliZibba e Giulio Casale con i suoi Estra.

Pagina dell’evento: https://www.facebook.com/events/248242245611552/

Nel web: www.rocktargatoitalia.it

Pasqua a Padova: i menù dei ristoranti tra i 40 e i 50 euro di media a testa lanciano il "tutto esaurito" secondo Appe

Il barometro volge al bello per la Pasqua e la Pasquetta al ristorante, nonostante l'addensarsi di incognite metereologiche.
«Speriamo che non si tratti solo di un segnale positivo isolato – esordisce Erminio Alajmo, Presidente dell'Associazione Provinciale Pubblici Esercizi (APPE) di Padova – tutta la categoria degli operatori della ristorazione si sta impegnando per far vivere ai clienti una Pasqua serena a tavola, coniugando qualità e prezzi contenuti».
Nei ristoranti e trattorie la formula, nella maggioranza dei casi, sarà dunque quella del "tutto compreso" - in grado di conciliare le esigenze organizzative del locale con quelle di risparmio dei clienti - per una spesa media variabile tra i 40 e i 50 euro a persona. Prezzi in linea con quelli dell'anno scorso, nonostante gli aumenti delle materie prime, delle utenze e del costo del lavoro che i gestori hanno in qualche modo "assorbito", sacrificando i propri bilanci aziendali.
In base alle rilevazioni effettuate dall'APPE su un campione di operatori aperti durante le festività, le prenotazioni sono generalmente soddisfacenti, con qualche impennata nel comprensorio dei Colli Euganei, con la tendenza verso il "tutto esaurito".
«Molti ristoranti – osserva Alajmo – consentono di passare una festività fuori casa rispettando la tradizione anche a tavola, con il menu pasquale del proprio territorio, abbinato ai vini locali, senza necessariamente spostarsi troppo dai luoghi di residenza e con un occhio di riguardo al portafogli».
Curiosando tra i vari menù, non mancano il classico agnello (cibo rituale della tradizione cristiana) e capretto, declinati nelle tante varianti. Non mancano tuttavia menù vegetariani o vegani, per incontrare le esigenze di una fascia sempre più importante di clientela. Nei primi piatti primeggiano le proposte a base di asparagi padovani ed erbette spontanee di stagione. Sul fronte "dolci" è tutto un tripudio di focacce pasquali e "colombe" di pasticceria, variamente ricombinate con salse alle creme ed impreziosite da frutta fresca, agrumi o cioccolate.
«Auguro a tutti – conclude Alajmo – clienti e colleghi ristoratori di vivere una Pasqua di serenità, all'insegna della buona tavola».

Chiude il Godenda: il primo e più elegante wine bar di Padova

Quando aprì, una quindicina d'anni fa, costituì un modello a cui nel tempo in molti cercarono di ispirarsi. Il Godenda, la "creatura" dei fratelli Agostini e di Andrea Zanfrà, è stato per una intera e lunga stagione della storia del gusto padovano, un faro. Bellissimo il concept, squisite le prelibatezze che hanno intrattenuto una generazione di ventenni del nuovo millennio. Poi quei ventenni hanno messo la testa a posto ed è arrivata la crisi. E così anche il Godenda, se la avesse, deve tirare giù la serranda di via Squarcione. 
Qui di seguito il comunicato. Con una avvertenza: "morto" un Godenda se ne farà presto un altro.
Come tutte le belle favole che hanno un inizio ed una conclusione, anche per il Ristorante Godenda è arrivato il tempo di scrivere la parola "Fine" sul proprio libro. O forse no!
Ristorante pioniere dello stile Wine Bar dal 2002, anno di apertura nel cuore antico di Padova, Godenda è stato per 15 anni un prezioso punto di riferimento per la fornitissima cantina e per la cucina innovativa. I Fratelli Agostini, infatti, da grandi lungimiranti hanno saputo anticipare i tempi elevando il concetto di "osteria" con uno stile più giovane, fresco ed easy grazie ad un ambizioso progetto: diffondere la cultura della qualità in un ambiente informale, forti di una cantina ricca di centinaia di prestigiose etichette e della mano "stellata" in cucina di Stefano Agostini (già una stella Michelin con "Casa Vecia" ad Abano Terme).
Un sogno ampiamente realizzato e consacrato dai diversi riconoscimenti assegnati in tutti questi anni: nel 2006 è stato eletto come "Miglior Wine Bar d'Italia" dalla testata Bar Giornale e nel 2014 "Miglior Enotavola d'Italia" dalla Guida dell'Espresso, la più autorevole guida italiana, giusto per citarne un paio.
"Tutto cambia" (omnia mutantur), diceva Ovidio, e il confronto più grande di Stefano, oggi, è quello di affrontare il cambiamento con un nuovo progetto. Forte della sua pluriennale esperienza, delle sue grandi competenze e del suo talento naturale in cucina, sentiremo presto parlare di Stefano Agostini impegnato in una nuova sfida tra i fornelli: sempre a Padova... con la sua identità!

Livio Pezzato presenta al Caffè Pedrocchi la raccolta di poesie "Voiàltri", versi in lingua veneta che toccano il cuore

Mercoledì 12 aprile alle 18,30 in sala Verde del caffè Pedrocchi ritorna la poesia con uno degli animi più profondi e gentili del panorama euganeo: Livio Pezzato. Un artista, per chi ha la fortuna di conoscerlo, oltre che un uomo dalla tempra straordinaria e dalla purezza e profondità di pensiero che spiazza. Animato da una sconfinata passione civile per la propria terra, Livio Pezzato è nato nel 1941. Ha pubblicato undici raccolte di poesie in dialetto e una in lingua. Ha scritto un libro sui ricordi e sulla vita di Abano e di Padova negli anni '50 e '60 dal titolo "Le caramelle di Fausto Coppi" e una raccolta commentata di proverbi e modi di dire "Viaggio nel Veneto profondo".
Medico di famiglia, Si interessa di storia emblematica della quotidianità e di arti visuali. Si dedica alla difesa dell'ambiente.

Il titolo della raccolta  che viene presentata mercoledì sera al Pedrocchi è "Voiàltri".

Scrive nella presentazione della raccolta, Alessandro Cabianca:
"Credo che la sua scelta di "parlare veneto", non parola scritta ma lingua viva, parlata: immagine, suono, ritmo, rumore, sia dovuta a un bisogno di aderenza non solo mentale, ma fisica, al dettato poetico, per una poesia basata sul confronto con il reale, affettivo ed emotivo, e con l'alterità. Dialetto quindi ricco, colto, raffinato, costituito da precisione lessicale e integrato da pregnanza fonetica...........

Se c'è qualcosa in più e di diverso in questa raccolta rispetto alle precedenti è una sorta di insistita disillusione dettata da una lucida lettura della realtà, il senso di colpa per quanto si è riusciti a distruggere e il timore per quanto si sta lasciando ai figli, con una leggera malinconia che non è semplice nostalgia del passato, ma desiderio di un vivere aderente ai ritmi della natura, lontano dalla cupidigia del danaro e dalle fughe della modernità.......
Il passato e il futuro, questi i temi intorno cui gravita la poesia di Pezzato, carica di dubbi, di domande e con poche risposte: "...ànema/ càrga ormai de memorie, co' un domàn/ perso ne'l scuro, desmentagà da'l sole" , ma con una forte adesione alla vita, specie quella che da sempre si ripete misteriosamente uguale e che non chiede più di quel che può dare: "la vita xé cussì, el so mistero/ inmàga filosofi e poeti, i preti/ ne dìse de aver fede, intanto/ el falco vola alto contro el sole".

Al Panoramic hotel Plaza mercoledì 12 la presentazione del corso sommelier Fisar

Mercoledì 12 aprile alle 21.00, al Panoramic Hotel Plaza di Abano Terme (PD) si terrà una presentazione gratuita del Corso Sommelier FISAR Padova in partenza il prossimo maggio. Seguirà una degustazione gratuita per tutti i partecipanti. Partecipazione con prenotazione obbligatoria. Per informazioni e prenotazioni Lovivo Tour Experience T. +39 049 29 69 340 M. +39 333 99 45 288 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. I posti sono limitati.

La serata, tenuta da docenti e relatori FISAR, è interamente gratuita e potrà essere utile per comprendere al meglio il ruolo e la figura del Sommelier, gli sbocchi professionali e il percorso formativo da intraprendere. Inoltre nell’arco della serata un Sommelier professionista FISAR ci accompagnerà in una degustazione guidata di alcuni vini. Appuntamento dunque a mercoledì 12 aprile 2017, ore 21.00 al Winter Garden del Panoramic Hotel Plaza in piazza Repubblica 23 ad Abano Terme (PD).

Link sito web Lovivo: http://www.lovivo.it/esperienze/food-wine/corso-sommelier-abano-terme-padova-fisar/