Debunking #2: sul maxi stipendio dell'ex segretario del Pd Bettin l'ex sindaco Bitonci pare scivolare su una fregnaccia

Mi spiace per l'ex sindaco Massimo Bitonci, ma tocca fare anche a lui un "debunking" come direbbero i cronisti di scuola britannica, maestri nello scovare le "fregnacce", come direbbero i romani, dei politici. E quindi analizziamo il post scritto sabato dall'ex sindaco Bitonci sul proprio profilo facebook.
Scrive Massimo Bitonci:
"Il "CIVICO" GIORDANI aumenta del 150% il compenso al suo "portavoce" e segretario del PD "DOTTOR" BETTIN. Figura che NON ESISTEVA con l'amministrazione BITONCI. Non parliamo del capo gabinetto o ufficio stampa, ruoli che per legge necessitano della LAUREA, il primo, ed iscrizione all'ALBO dei GIORNALISTI, il secondo. Un chiaro espediente, una "furbata" per aggirare la normativa e nominare un SINDACO OMBRA che partecipa alle giunte, filtra tutto e decide , senza alcuna esperienza e titolo "obbligatorio" qualificato. Un "portavoce", con ottimo curriculum, che comanda ma senza alcun rischio, al posto di un sindaco che non c'è!".
Tutto corretto, tranne per la seconda riga. E qui scatta la bonifica dalla bufala, come per altro fatto in un altro articolo che si trova a piè pagina. Anche scritta in stampatello, una fregnaccia è una fregnaccia: la figura di portavoce esisteva nell'amministrazione Bitonci. Ed anche ingombrante: era ricoperta da Carlo Melina, rodigino (nato ad Adria) alto due metri, sparito dalla circolazione dopo la caduta del sindaco sfiduciato la sera dell'11 novembre, giorno di San Martino e tradizionale data della resa dei conti tra padroni e mezzadri. La determina del dirigente delle risorse umane è riprodotta nella parte del titolo qui sopra. Va detto che Melina faceva, e bene tecnicamente, il capo ufficio stampa, redigendo comunicati stampa scritti in un italiano decente ed occupandosi di coordinare le uscite sui media anche degli assessori olte che del sindaco, per cui, a quanto è dato sapere, scriveva le bozze dei discorsi (uno dei ruoli tipici del portavoce). 
Un suggerimento al capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale Massimo Bitonci: faccia una interrogazione in consiglio comunale sugli effettivi emolumenti dei componenti dello staff. Continuiamo ad accapigliarci sulle cifre. Chi scrive, a differenza di Massimo Bettin che ha la maturità scientifica, ha frequentato il liceo classico. Magari lei, signor ex sindaco, che ha la laurea in Economia, saprà fare definitivamente luce sia sugli emolumenti della sua ex amministrazione che su quelli dell'attuale amministrazione "civica". Anch'io come lei scrivo l'aggettivo tra virgolette poichè si tratta di una compagine che ha assunto come portavoce l'ex segretario provinciale del Pd, altrimenti cassaintegrato; che in giunta ha visto arrivare l'ex segretario cittadino del Pd, altrimenti chissà come e quanto occupato (ma vedremo la denuncia dei redditi); e che conta in giunta due ex assessori della amministrazione Zanonato. Per questi motivi mi sembra di poter far passare le virgolette al "civico" Giordani scritto in stampatello, dall'ex sindaco Bitonci.

 

Alberto Gottardo

 

sullo stesso argomento leggi anche

"Lo staff di Bitonci costava di più": quando la foglia di fico diventa supercazzola. La prima linea di Giordani rischia di battere tutti i record

 

Miracolo in giunta: con un tratto di penna l'ex segretario del Pd guadagna 6653 euro lordi al mese (nel giorno in cui il Pd manda in cassa integrazione