Assicuratore padovano denunciato per un “buco” da 500mila

 

La guardia di finanza di Padova ha concluso una indagine su una serie di centinaia di polizze fantasma tra le province di Padova e Rovigo. A finire nei guai con l’accusa di truffa aggravata ed appropriazione indebita Filippo Gaino, 38 anni,  assicuratore con sede operativa a Este  (Padova). Secondo le stime degli uomini della locale tenenza della guardia di finanza retta dal tenente Giovanni Marra il “buco” generato da polizze raccolte solo sulla carta dal broker padovano supera i 500mila euro.
Filippo Gaino è già noto alle cronache padovane in quanto vittima nel marzo di due anni fa di una rapina dai contorni mai chiariti con precisione dai carabinieri a cui l’uomo si è rivolto la sera del 3 marzo quando a suo dire un gruppo di quattro persone lo picchiò è derubò di cinquemila euro. (leggi qui l’articolo della rapina subita da Gaino due anni fa)