Attualità

Al Romano Bruni di Padova diplomati con volti altissimi

Grande soddisfazione al Liceo scientifico paritario Romano Bruni di Padova per la conclusione degli Esami di stato. I 20 ammessi hanno tutti superato l’esame. I punteggi più significativi sono il 100 conseguiti da Giorgia Covio e Nicolò Giraldo.
Questi i voti finali conseguiti dai ragazzi: Andreatta Stefano 87, Barozzi Elisa 72, Bonaldo Chiara 80, Boscolo Sassariolo Sara 77, Caffini Giovanni 72, Covio Giorgia 100, Fabbris Maddalena 73, Gallo Daniele 72, Gatti Emanuela 95, Giraldo Nicolò 100, Lorenzi Simone 93, Lovison Eleonora 77, Marabello Maria Giulia 71, Marzola Elena 62, Marzola Silvia 71, Masato Martina 71, Pernechele Daniele 83, Petenazzo Giacomo 80, Ronsisvalle Alice 89, Tuzzato Anna 78.

«Ringraziamo tutti gli insegnanti e i commissari esterni con cui abbiamo condiviso un lavoro fruttuoso e professionale», è il commento della preside Daniela Rossi. «Ma soprattutto ringraziamo i ragazzi. Gli esami sono frutto del loro lavoro. Quello che sono oggi è anche frutto di quello che hanno imparato, non solo in termini di conoscenze ma più complessivamente per la loro capacità di stare di fronte alla realtà. Auguro a tutti loro che possano averne cura di quello che sono diventati perché è qualcosa di prezioso e che può fiorire e maturare ancora di più».

«Terminati gli esami di stato possiamo provare a tirare un bilancio dell’anno scolastico», aggiunge il rettore delle Scuole Romano Bruni, Stefano Montaccini. «Ci è più chiaro oggi che nella situazione sociale di crisi come la presente, la scuola è un fattore strategico e rappresenta un’urgenza pari a quella del lavoro, se non si vuole correre il rischio di mandare dei giovani passivi, indecisi e scettici allo sbaraglio nell’affrontare le grandi e inedite sfide poste dai grandi cambiamenti che stanno accadendo.

«Ci è più chiaro poi anche dopo la positiva esperienza degli esami», aggiunge Montaccini, «che la scuola la fanno soprattutto gli insegnanti. Ognuno non può aspettare una riforma del sistema per muoversi, ma deve giocare da subito in prima persona una responsabilità, rischiando in prima persona tutta la propria umanità e professionalità, dentro la scuola così come è, con i suoi pregi e difetti. Veramente abbiamo bisogno di una scuola che sia tutta e solo “al servizio dei giovani”. Ciascuno di noi può iniziare a realizzarla».

La proposta didattica del Liceo Scientifico Romano Bruni di via Fiorazzo, 7 a Padova - Ponte di Brenta è indirizzata alla cura del nesso fra sapere scientifico e tradizione umanistica. L’attenzione degli insegnanti è rivolta a dare una solida preparazione culturale e a far fiorire la personalità degli studenti. La sfida è cooperare perché diventino protagonisti curiosi di imparare e desiderosi di costruire, a scuola e all’università, nel lavoro e nella vita. L’offerta formativa prevede tra l’altro esperienze in laboratorio di fisica e scienze, insegnante madrelingua inglese, seconda lingua straniera opzionale, visite guidate alla scoperta di arte, storia e scienze in città d’Italia e in capitali europee, viaggio studio in Irlanda nel corso della classe quarta, soggiorni estivi all’estero e stages aziendali

Ritorna a nuova vita il cortile antico di palazzo del Bo

Dopo oltre due anni di restauri, il Cortile antico del Bo è stato inaugurato alla presenza del Magnifico Rettore, del Vicesindaco, del Presidente della Fondazione Cariparo e del Ministro allo Sviluppo economico. "Questo cortile non è solo un'opera d'arte ma un luogo della città e non è un caso che sia opera del Moroni, l'architetto che ha realizzato anche il municipio" ha commentato il rettore Zaccaria.

"Siamo emozionati in questo luogo che è stato attraversato da personaggi come Galileo - ha detto il vicesindaco Rossi - ma questo luogo, che non è solo dell'Università ma di tutta la Città, rappresenta un modo della città per camminare col mondo", concetto ribadito anche dal presidente Antonio Finotti: "Alcuni monumenti segnano l'identità e la storia della città e il Cortile antico del Bo certamente è uno di questi. Sono orgoglioso che sia riconsegnato a noi tutti". Il restauro è costato 2 milioni 63 mila, un milione e mezzo dei quali finanziato dalla Fondazione Cariparo e 400mila dal Comune.

. La riconsegna del chiostro cinquecentesco è avvenuta ieri sera, alla presenza del rettore Giuseppe Zaccaria e di Elisabetta Saccomani, delegata ai patrimonio artistico di Ateneo. Quindi il concerto dei Solisti veneti, diretti dal maestro Claudio Scimone

Aumento Iva rinviato? Pesa su Ires e Irap secondo Confapi

Si rinvia l’aumento dell’Iva? Per trovare i soldi che mancano il Governo pensa di portare dal 99 al 100% l’acconto dell’Irpef e dell’Irap e dal 100 al 101% quello dell’Ires. Di fatto, è l’ennesima stangata a carico delle imprese e dei liberi professionisti che a novembre si troveranno ancora una volta a farsi carico dell’incapacità di chi guida il Paese a far quadrare i conti. In ballo ci sono cifre importanti: se a livello nazionale le imprese e i lavoratori autonomi italiani si troveranno ad anticipare all’erario 550 milioni di euro, secondo una stima prudenziale di Fabbrica Padova, Centro studi di Confapi, l’aumento arriverà a pesare sulle Pmi della provincia per circa 8 milioni.

«Stiamo assistendo a qualcosa di simile al gioco delle tre carte. Solo che qui non c’è nessun motivo per giocare – afferma Tito Alleva, presidente di Confapi Padova, associazione delle Piccole e medie imprese della provincia –. Il Governo leva una tassa al centro dell’attenzione di tutti per applicarne altre, sperando che non si veda il trucco. E’ una curiosa applicazione del principio dei vasi comunicanti: quello che sparisce a destra torna a sinistra. Ma chiedere il 101 % dell’Ires vuol dire incamerare un credito di imposta che presumibilmente non sarà mai restituito. Una vera e propria truffa. Per quanto riguarda l’Irpef, poi, dopo alcuni anni di anticipi ridotti (79% nel 2010, 82% nel 2011, 96% nel 2012) si arriva ai livelli massimi. Il tutto mentre, a parole, si dichiara di voler rilanciare il Paese e gli investimenti. Ma quando governo e Parlamento capiranno che la copertura va trovata tagliando quanto c’è di improduttivo nella spesa pubblica?».

All’ordine del giorno c’è anche il “Decreto Lavoro”, che prevede un incentivo fino a un massimo di 650 euro mensili per ogni lavoratore assunto a tempo indeterminato. Sulla questione interviene Jonathan Morello Ritter, presidente dei Giovani Imprenditori Confapi Veneto: «Se si pensa che poche centinaia di euro servano a un’azienda per scegliere o meno se assumere una persona ci si sbaglia di grosso. La sostanza è che vengono agevolate le aziende che già hanno l’intenzione e la possibilità di assumere personale. Chi ha intenzione di incrementare il personale non lo farà certo per l’incentivo».

Quali soluzioni? «E’ necessaria – dichiara Morello Ritter – una riforma strutturale coraggiosa, che permetta di sopperire agli sporadici periodi di maggior lavoro utilizzando contratti flessibili. E’ improcrastinabile aiutare a nascere e detassare le nuove imprese che creano nuova occupazione. E’ fondamentale aiutare le aziende che internazionalizzano la propria impresa perché creano un indotto per tutta la nazione. Ed è indispensabile che l’Università e gli istituti superiori accompagnino lo studente nel periodo di stage: lo studente deve diventare il ponte tra il mondo della formazione e quello del lavoro».

 

Lotta al commercio abusivo: il plauso di Ascom Padova ai vigili urbani

“Combattere l’abusivismo si deve e, a giudicare dai risultati della polizia municipale di Padova, direi che anche si può”.
E’ soddisfatto Patrizio Bertin, presidente dell’Ascom Confcommercio per Padova Città, dell’azione avviata dal comandante della polizia municipale, Lorenzo Panizzolo, e dei risultati raggiunti da questo, dalle sue donne e dai suoi uomini.

“Vedere il mercato del sabato in Prato della Valle privo della presenza degli abusivi o comunque con una presenza molto limitata – continua Bertin – riconcilia, in un momento di grave crisi come quello che stiamo attraversando, con la passione per il lavoro del commerciante. Il rispetto delle regole, la garanzia dei prodotti, la salute dei cittadini e, soprattutto, il lavoro delle persone sono fattori che meritano la massima attenzione. Perché è chiaro: le vendite degli abusivi significano meno posti di lavoro regolari, non solo nel settore del commercio, ma in tutta la filiera produttiva”.

Ma Bertin non si limita ad apprezzare l’azione di contrasto all’abusivismo svolta in Prato e negli altri “punti sensibili” della città (Liston, via Roma, via Umberto I, ecc.) ma anche il presidio attuato negli spazi verdi ad opera dei nonni vigile.

“E’ evidente – conclude Bertin – che nessuna di queste iniziative può rappresentare la completa soluzione dei problemi connessi all’abusivismo e al degrado, ma constatare che un impegno in tal senso è ben presente nell’azione della polizia municipale, riconsegna Padova a quel ruolo di città commerciale, da vivere e da godere, che la presenza di troppi abusivi e accattoni rischia di mettere in discussione. Adesso si tratta di continuare su questa strada, evitando di abbassare la guardia (ed anzi rafforzando l’azione che è alla base di una progressiva ridotta “appetibilità” da parte di chi governa questo mercato parallelo) e sostenendo l’azione concertata delle forze dell’ordine. In tal senso mi piace sottolineare anche l’azione positiva della Guardia di Finanza”.

Giovanni Taliana nuovo presidente di Confindustria alimentari

L’imprenditore Giovanni Taliana è il nuovo presidente della sezione alimentari di Confindustria Padova per il biennio 2013-2015. L’elezione, all’unanimità, è avvenuta ieri pomeriggio nel corso dell’assemblea dei soci. Taliana, 39 anni, è direttore generale della Bovis Srl di Limena. Succede a Emanuele Boccardo giunto alla scadenza naturale del mandato. Lo affiancheranno i vice presidenti Federico Allamprese (Il Granaio delle Idee Srl, Maserà) e Francesco Barduca (Francesco Barduca Srl, Borgoricco).

L’assemblea ha rinnovato anche il Consiglio direttivo di sezione. Oltre a Taliana e ai vice presidenti, ne fanno parte gli imprenditori Antonio Agostini (Chimab Spa, Campodasego), Francesco De Marco (Elledi Spa, Galliera Veneta), Valentino Miotto (Miotto Rag. Luisa, Vescovana), Francesco Montalvo (Aspiag Service Srl, Mestrino), Cesarino Ponticello (Agriluce Srl, Borgoricco), Sandro Vecchiato (Interbrau Spa, Villafranca Padovana).

«L’industria alimentare è il secondo settore manifatturiero del Paese, ambasciatore nel Made in Italy nel mondo - sottolinea il neo presidente Giovanni Taliana -. Un prodotto alimentare su cinque finisce sui mercati esteri. Nel 2012 l’export è stato di 25 miliardi di euro, con una crescita del 7% (+9,7% il Veneto, +1,7% Padova). Nel primo bimestre del 2013 è cresciuto del 6,5%. E spingendo la leva dell’internazionalizzazione ci sono margini per fare meglio».

«I segnali di stanchezza non mancano - prosegue Taliana -. La congiuntura resta difficile e sul mercato domestico la domanda langue. In cinque anni la crisi ha tagliato 20 miliardi di spesa alimentare. Dall’inizio dell’anno la flessione dei consumi alimentari delle famiglie è stata del 4,5%, il dato peggiore dal 2008. Un’erosione da contrastare con politiche fiscali e sul lavoro che diano più soldi in tasca ai lavoratori. Occorre intervenire subito sul cuneo fiscale e fare di tutto per scongiurare l’aumento dell’1% dell’Iva che avrebbe un impatto immediato di 700 milioni di euro sul carrello della spesa e ripercussioni sulla produzione dell’industria alimentare».

Il primo impegno del neopresidente sarà «incontrare le aziende e capirne i bisogni per accompagnarle nelle sfide dell’innovazione e del presidio dei mercati». Con due progetti a cui dare la priorità assoluta. «Uno riguarda l’aggregazione in verticale con il settore primario, la distribuzione e la logistica per lavorare sull’intera filiera - spiega Taliana -. La maggioranza delle imprese sono piccole o microimprese. Da qui la necessità di fare rete incentivando processi di aggregazione orizzontale e avviando progetti anche insieme ad altre territoriali».

Nato a Padova, Giovanni Taliana, 39 anni, è direttore generale della Bovis Srl di Limena, specializzata nei preparati per brodo granulari, un gruppo con 4,5 milioni di fatturato e 15 addetti. Fondata nel 1926 a Pedavena (Bl), agli inizi degli anni Ottanta è stata acquisita dalla famiglia Taliana, padovana, che ha portato lo stabilimento di produzione a Montebelluna e dal 2000 a Limena, con una sede di 4mila mq e un magazzino logistica di 2mila mq.

Attualmente Taliana è delegato del Raggruppamento alimentari del Veneto di Federalimentare.

Il comparto alimentare in provincia di Padova conta 685 imprese, il 18,8% del totale del Veneto, con circa 6.300 addetti.

 

 

Kronosummer fest a Casalserugo da mercoledì con musica live tutte le sere

Dal 26 al 30 giugno torna il Kronosummer Fest di Casalserugo, giunto alla nona edizione.
Un appuntamento con la musica di qualità che vuole prima di tutto valorizzare le realtà emergenti e proporre un evento live fatto con attenzione e con responsabilità.
Il progetto nasce infatti nel 2005 dall'Associazione Kronos, da sempre attenta alla cultura, ma anche al sociale. 
Il programma inizierà il 26 giugno con i Realmente Falsi, in una serata tributo alla musica italiana di Vasco Rossi, Zucchero ed Elisa.

Giovedì 27 ci sarà la finale del primo contest per musica inedita firmato Associazione Kronos, il “Live&Play”, ove si esibiranno i “Dance with Radio” dalle sonorità pop/rock, gli “Stone Head”, con i loro brani Alternative e Hard Rock, e i “Mad Agony”, con le loro sonorità metal. I gruppi saranno valutati da una giuria tecnica composta da professionisti del settore.

Venerdì 28 sarà il giorno del suond Funky – Hip Hop di Herman Medrano & The Groovy Monkeys e del suo “Noseconossemo Tour”. 
Apriranno la serata l’alternative rock degli “Zaira”, band finalista della “Battle of the Band” organizzata dall’OnStage di Monselice.
Sabato 29 giugno spazio allo swing e al rock’n’roll dei Slick Steve & the Gangsters, i quali faranno tappa durante il loro tour in giro per l’Italia per dar vita ad uno spettacolo unico nel loro genere, unendo alla loro capacità musicale delle performance circensi.

Ad aprire la serata “I fratelli McFly”, acoustic duo Folk di chitarra e violino, finalisti al concorso “Corde libere” che li ha visti calcare il palco del Gran Teatro Geox di Padova, i quali proporranno rivisitazioni acustiche di diversi brani oltre a diversi loro inediti.
Domenica 30 Giugno gran chiusura con le “Anime in Plexiglass”, celebre tribute band a Luciano Ligabue.
Durante le varie serate saranno raccolti fondi per il progetto “in & out of the ghetto”, il quale opera in una baraccopoli di Lusaka in Zambia.
Lo stand gastronomico a "Km zero" e le birre artigianali completano l'offerta. Tutto il festival è a basso impatto ecologico.

 

Kronosummer Fest 26 - 30 giugno
Zona Artigianale, Casalserugo

26 giugno - Realmente Falsi
27 giugno - Live&play contest
28 giugno - Herman Medrano & The groovy Monkeys
29 giugno - Slick Steve & The Gangsters + I Fratelli McFly
30 giugno - Anime in Plexiglass

 

Info www.associazionekronos.com

Ragazze nel pallone agli impianti del Valsugana rugby

Le Ragazze nel Pallone tifano per la nazionale azzurra, che a luglio sarà impegnata negli europei in Svezia, e la nazionale azzurra tifa Ragazze nel Pallone. Molte giocatrici dell'Italia femminile infatti si sono lasciate fotografare con la maglia ufficiale di Rnp per lanciare quello che ormai si sta imponendo come uno dei maggiori eventi della penisola dedicati al calcio in rosa, che si svolgerà dal 5 al 7 luglio negli impianti del Valsugana Rugby in via Querini a Padova.
Il “gemellaggio” tra Rnp e nazionale è frutto del lavoro di “ambasciatrice” di Elisa Camporese, giocatrice della nazionale padovana e amica di Ragazze nel Pallone: «Le ragazze della nazionale sono state subito disponibili – racconta Elisa – Se non siamo noi, che grazie alla maglia azzurra abbiamo una maggiore visibilità, a veicolare questi messaggi, chi può farlo? Tutte noi pensiamo che questo sia un bel modo per far crescere il movimento e invogliare le ragazze a giocare».

Elisa Camporese conosce bene il torneo padovano, a cui è stata anche presente nella passate edizioni: «Il successo di un torneo come questo è legato alla passione e all'impegno di chi lo gestisce. Conosco bene il gruppo che organizza Ragazze nel Pallone, so che finita un'edizione cominciano già a lavorare per quella dell'anno successivo. Con il lavoro che c'è dietro non può che esserci una crescita costante: ho visto la prima edizione e quella dell'anno scorso, con l'aumento di numeri e qualità, e ora non oso pensare cosa potrà esserci quest'anno. Mi spiace non poterci essere, perchè proprio in quei giorni partiremo per la Svezia, ma manderò il mio “in bocca al lupo” a tutte».

Il successo di Ragazze nel Pallone è anche il sintomo di una crescita di tutto il movimento del calcio femminile in Italia: «Sicuramente è entrata nella testa degli italiani – conclude Elisa Camporese – l'idea anche anche una donna possa giocare a calcio. Purtroppo però i numeri non sono ancora importanti, perchè troppe ragazze iniziano e poi smettono presto. La strada è quella di puntare sulle scuole, per far crescere tecnicamente le ragazze e invogliarle così a continuare».

Piero Grasso a Cittadella attacca il Movimento 5 stelle: "Incoerente l'attacco di Beppe Grillo"

"Bisogna che la politica riacquisti la fiducia dei cittadini, e questo si può fare solo attraverso azioni concrete". A dirlo il presidente del Senato Pietro Grasso, commentando le affluenze ai ballottaggi, a margine di una funzione religiosa a cui ha partecipato a titolo personale nella comunità di Facca, parrocchia di Cittadella (Padova). "Bisogna abbandonare le solite parole - ha aggiunto Grasso - Io sono molto fiducioso e spero che questa fiducia possa essere contagiosa, nel senso che i cittadini possano vedere il rinnovamento della politica anche e soprattutto da parte delle amministrazioni locali e dei sindaci e quindi riavvicinarsi alla partecipazione alla vita pubblica".

Riguardo all'analisi del presidente del Consiglio Enrico Letta che ha definito l'Italia "un Paese pacificato" il presidente del Senato Grasso rispondendo ad una domanda dei cronisti ha aggiunto: "Dobbiamo continuare nel rafforzamento della pace sociale - ha aggiunto il presidente del Senato - trasformando una protesta che a volte può essere giusta e giustificata in qualcosa di positivo, in una energia positiva che aiuti a fare insieme le cose. In questi giorni ho incontrato parecchi giovani: prima ad Ascoli, poi ieri a Santa Margherita ligure ed ho visto questa energia, questo entusiasmo, questa passione di tanti giovani che dobbiamo fare nostra". Rispondendo ad una domanda dei cronisti circa il giudizio di Beppe Grillo che ha definito il parlamento una tomba maleodorante, Piro Grasso ha risposto: "Mi sembra che ci sia una incoerenza - ha aggiunto - in quanto molti parlamentari del movimento 5 stelle hanno votato alcuni provvedimenti come ad esempio la mozione sui diritti umani, come ad esempio la restituzione alle imprese dei debiti maturati dalla pubblica amministrazione, su cui si è raggiunta l'unanimità. Il parlamento rimane centrale tra le istituzioni dello Stato".

Italo collega in treno Padova e Venezia con Salerno

Con l’avvio dell’orario estivo, crescono i servizi di Ntv, in particolare con il nuovo Salerno-Venezia: dalla costiera amalfitana alla Laguna si viaggia con Italo in sole 5 ore e 40 minuti (con fermate intermedie a Napoli, Roma, Firenze, Bologna, Padova).
E da domenica 9 giugno, Italo effettua sei nuovi collegamenti giornalieri alla Stazione Mediopadana di Reggio Emilia. Ai quali nei prossimi giorni se ne aggiungerà un settimo, preziosissimo per arrivare a Milano alle 9 del mattino, e a Torino alle 10.

La nuova e avveniristica stazione, progettata dall’architetto spagnolo Santiago Calatrava, è l’unica struttura ad Alta Velocità sulla linea Milano Bologna e servirà, grazie alla sua adiacenza con l’Autostrada del Sole e all’interconnessione con il sistema ferroviario regionale, tutta l’area mediopadana, un bacino potenziale di oltre un milione di abitanti. A Reggio la fermata sarà in linea, lungo il tracciato ferroviario, e questo permetterà una sosta di pochi minuti.
La campagna estiva Ntv porta altre vantaggiose proposte: con Italo Insieme, l’offerta studiata per i gruppi da 3 a 5 persone, i minori under 15 viaggiano gratis fino al 31 agosto. E l’offerta “Vado e Torno” diventa ancora più conveniente grazie a una speciale riduzione del 10% per chi acquista contestualmente un viaggio di andata e uno di ritorno fino al 31 agosto.

I biglietti per viaggiare con Italo si possono acquistare sul sito italotreno.it, nelle agenzie di viaggio convenzionate, tramite il Contact Center Pronto Italo (06.07.08) e con le biglietterie Self Service posizionate in ogni stazione raggiunta da Italo.

Pagina 18 di 82