Banner
Banner

Padova24ore.it - Cronaca

Venerdì apre la direttissima Padova - Abano

E-mail Stampa PDF

Sarà aperta al traffico venerdì 20 settembre la bretella tra la strada regionale 47 "di Altichiero" e la strada provinciale 2 "Romana aponense", vale a dire la "direttissima per Abano".
"Dopo circa 25 anni, finalmente sarà in funzione un'opera strategica per la città" ha dichiarato soddisfatto il vicesindaco reggente Ivo Rossi dando contro della telefonata intercorsa con Silvano Vernizzi, amministratore delegato di Venetostrade.
"L'opera ha subito un iter lunghissimo sia sotto il profilo progettuale sia per i finanziamenti - dice Rossi - Finalmente il quartiere della Mandria sarà liberato dalla soffocante morsa del traffico. specie quello pesante, che oltre ad inquinare ha sempre rappresentato un elemnto di pericolo. La ricaduta positiva sarà immediata e dovremmo vederne i benefici anche al Bassanello".

Clicca qui per vedere il video del nuovo tracciato

I Carabinieri della Stazione di Tombolo(PD), nel tardo pomeriggio di ieri hanno tratto in arresto ZANIOLO Stefano disoccupato 43enne del posto con l’accusa di produrre ai fini di spaccio ingenti quantitativi di stupefacente del tipo marijuana.

Lo Zaniolo, infatti, già da tempo osservato dai Carabinieri, all’interno del parco faunistico di “Palude di Onara”, in una delle zone più anguste e selvagge, aveva attrezzato una vera e propria coltivazione in larga scala di stupefacente. Gli investigatori sono giunti alla piantagione, solo dopo svariati giorni di cauti pedinamenti, in cui seguendo il sospettato, hanno guadagnato, metro dopo metro la strada fino al loro obiettivo. A questo punto è stato soltanto un gioco di pazienza: i militari appostati hanno atteso l’arrivo del laborioso coltivatore e l’hanno colto sul fatto.

Alle ore 17.30 di ieri, infatti, i Carabinieri, appostati a margine della piantagione di marijuana, hanno visto avvicinarsi attraverso la boscaglia in perfetta tenuta mimetica, lo ZANIOLO, il quale, appena giunto, sfilava dal suo zaino una matassa di filo “gommato” di colore verde da giardinaggio ed un paio di forbici per potatura e iniziava a curare il suo “giardino” e a raccoglierne i frutti potando e conservando con cura i fiori maturi.

A questo punto veniva bloccato dai militari e tratto in arresto.

Sul posto, sequestrate più di 70 piante in fiore pronte per la raccolta e tutta l’attrezzatura utile alla coltivazione. La perquisizione domiciliare permetteva di recuperare ulteriori 12 kg. di Marijuana, materiale per il confezionamento di involucri di piccole e medie dimensioni e bilancini di precisione.

L’arrestato, su disposizione del Pubblico Ministero, Dott. Roberto D’Angelo, veniva ristretto presso la casa circondariale di Padova.

 

"Venerdì 6 settembre sono partito alla volta di San Pietroburgo ospite della locale comunità dei Frati Minori Conventuali del Convento di sant’Antonio. Ho avuto così la gioia di partecipare domenica 8 settembre al rito della Dedicazione della chiesa di sant'Antonio. Come compagni di viaggio ho fra Alessandro Ratti, Il Prof. Leopoldo Saracini (membro della Presidenza della Veneranda Arca di S Antonio) e l'infaticabile Ing. Luigi Ometto, che ha programmato, seguito e realizzato il trasporto della tomba provvisoria del Santo in Russia. La tomba provvisoria è un'opera pregiata, copia di un sarcofago medievale, è stata utilizzata come vero e proprio reliquiario per accogliere il corpo di sant'Antonio durante i restauri della cappella dell’Arca nella Basilica di Padova dall’aprile del 2008 al febbraio del 2010. L’opera era stata donata alla Veneranda Arca del Santo dalla Ditta Margraf di Chiampo, che l’ha anche realizzata, e dall’Impresa Ometto Costruzioni. L’Ente a sua volta ha accolto la mia richiesta, sollecitata da P. Marco Tasca, Ministro generale del mio Ordine, di donarla alla chiesa di sant’Antonio di San Pietroburgo. La prima ipotesi era di donarla al Santuario Antoniano di Bangalore in India, di cui avevo visto realizzate nel 2007 le sole fondamenta ma, causa l’avvicendamento dei rettori del Santuario, il nuovo rettore non era a conoscenza della promessa fatta e ha provveduto in proprio a realizzare l’altare.
Non senza grandi fatiche "burocratiche" e doganali si è finalmente riusciti a far giungere a destinazione questa "arca" marmorea, arrivata nella sua collocazione definitiva giusto in tempo per la festa del 13 giugno di quest’anno.

Sull’urna è stata incisa la seguente iscrizione:
Fervida devotione confecta ac magna liberalitate in Basilica Patavina reposita
Divi Antonii Corpus haec urna retinuit ab A.D. MMVIII ad Annun MMX

 

Un grazie sincero ai tanti che si sono prodigati per raggiungere questo obiettivo:
• L’Impresa Ometto di Padova che ha coordinato tutta l’operazione;
• la ditta Margraf di Chiampo (VI) che a suo tempo realizzò l’arca e la donò (insieme alla Impresa Ometto) alla Veneranda Arca di S. Antonio e che l’ha tenuta in deposito per 8 mesi e realizzato l’incisione;
• la ditta Italbaltic Group di Concorezzo (MB) che ha curato e coperto una quota significativa dei costi di trasporto;
• la ditta T.R.N. IMBALLAGGI S.R.L. di Schio (VI) che ha curato gratuitamente l’imballaggio;
• il Console italiano a san Pietroburgo e i suoi collaboratori;
• molte altre istituzioni italiane e russe che si sono dimostrate molto collaborative.

La chiesa e l'altare, già sistemato, sono stati dedicati domenica 8 settembre 2013 con una solenne celebrazione presieduta da S.E. Mons. Paolo Pezzi (vescovo italiano della Provincia di Ravenna), Arcivescovo latino di Mosca.
La chiesa del convento antoniano, ancora tutta bianca, sta attendendo di essere affrescata da un frate-iconografo. Diverrà, speriamo, un gioiellino di arte francescana del nuovo millennio.

Il Comune di Padova stanzierà martedì prossimo con una delibera di Giunta un piano di buoni lavoro da oltre 1 milione e 600mila euro che permetteranno di dare lavoro a 395 persone per periodi variabili da tre a sei mesi.
Ad annunciarlo il vice sindaco Ivo Rossi. "E' un intervento che chiaramente non è risolutivo del problema crisi - spiega Rossi -, ma è una prima risposta a molte situazioni di disagio. Il Comune non crea il lavoro, non si tratta di nuove assunzioni. L'amministrazione ha deciso di creare le condizioni in una fase transitoria per aiutare le persone in questo momento di difficoltà. La sfida nel medio lungo termine è creare lavoro vero, e questo non può che crearsi attraverso una aumentata competitività di Padova come città che attrae nuovi investimenti e dall'altra con un ciclo economico che riesca finalmente a rimettersi in moto".

Il progetto è articolato in tre interventi: il progetto Solidaretà e lavoro in Padova gestito dal settore servizi sociali del Comune che segnalerà al fondo di solidarietà istituito presso la Fondazione Cassa di risparmio di Padova e Rovigo le persone da occupare. Con questo fondo a cui il Comune di Padova conferisce 452mila dei 663mila euro totali saranno occupate 98 persone con progetti di lavoro della durata di 16 ore settimanali per 6 mesi.

Un ulteriore milione di euro, grazie allo scioglimento dei vincoli di natura normativa, permette l'impiego di 258 persone che lavoreranno per 20 ore settimanali per 3 mesi.
Altre 39 persone troveranno lavoro per 20 ore settimanali per 6 mesi grazie ad un progetto cofinanziato dalla Regione Veneto, denominato "al servizio della mia città" a cui il Comune partecipa con un finanziamento diretto di 47mila euro.

Un Meeting che sa di velocità. Quella di Carrie Russell e, soprattutto, di Nesta Carter. Sono loro i nomi a sorpresa annunciati nelle ultime ore da Assindustria Sport, società che organizza l’evento in programma allo Stadio Euganeo domenica dalle ore 19, a ingresso gratuito.

Carter, in particolare, torna a Padova dopo aver siglato, appena dodici mesi fa, il record della manifestazione nei 100 metri, bloccando il cronometro dopo 10”09. Ma per lui parlano anche i due ori olimpici vinti con la staffetta 4x100 giamaicana (straordinario il 36”84 firmato assieme a Frater, Blake e Bolt a Londra 2012, nuovo record del mondo) e i due titoli mondiali conquistati nella stessa specialità, l’ultimo dei quali a Mosca, poche settimane fa. In Russia, Carter è salito sul podio anche nella prova individuale, conquistando la medaglia di bronzo dei 100 in 9”95 e, d’altra parte, il suo personale, 9”78, ribadisce quale sia la caratura dell’atleta, capace di correre 24 volte in carriera sotto al muro dei 10”.
A Padova, nei 100 – promossi da Unicredit come tutte le corse maschili – troverà a sfidarlo lo statunitense Ryan Bailey, medaglia d’argento con la staffetta 4x100 ai Giochi Olimpici di Londra, con un personale individuale di 9”88 che ne fa un avversario di tutto rispetto. Ma Carter dovrà guardarsi pure da altri due atleti capaci di scendere sotto i 10”: lo sprinter dello Zimbawe Gabriel Mvumvure (9”98, firmato 2013) e l’americano Isiah Young (9”99, sempre nel 2013).

L’altra new entry nel cast di questa edizione è la sua connazionale Carrie Russell, anche lei sul gradino più alto del podio ai campionati iridati di Mosca con la 4x100. Allo Stadio Euganeo correrà i 100 donne – gara promossa da Forema, come tutte le corse femminili – e troverà sulla sua strada la statunitense Alexandria Anderson, oro con la 4x100 a Daegu e finalista a Mosca, un personale di 10”91. Insomma, ci sono tutte le premesse per un Meeting all’insegna della velocità.
In serata (verso le ore 19) seguirà una fotonotizia su «Incontra i campioni del Meeting», gara di triathlon promossa da Alì, in programma dalle 17 in Prato della Valle: i giovani atleti delle categorie Ragazzi (under 13) gareggeranno nei 40 metri, nel salto in alto e nel getto del peso, sotto gli occhi di alcune delle stelle che daranno vita al Meeting all’Euganeo.

L’Amministratore Delegato di IKEA Italia, Lars Petersson, ha dato il benvenuto agli invitati alla cerimonia con una colazione svedese a base di aringhe e salmone, cui hanno partecipato anche il Presidente della Provincia di Padova Barbara Degani e il Sindaco Ivo Rossi. Il taglio del nastro è poi avvenuto insieme ai 426 collaboratori che hanno simbolicamente riaperto le porte a quei clienti provenienti da tutto il Veneto che in questi 8 anni hanno tributato il successo di IKEA a Padova.

“Padova è per noi di IKEA una scommessa vinta”- ha affermato Lars Petersson – “Dal 2005 IKEA ha continuato a investire su questa città, sia in infrastrutture che in servizi: dagli 850 posti auto del nuovo parcheggio alla pensilina per la fermata dei bus verso Ponte di Brenta, dai 7.000 pannelli fotovoltaici montati sul tetto, all’impianto di erogazione gratuita di acqua naturale e gasata: oltre 26 milioni di euro a supporto di una struttura che nell’ultimo anno ha dato il benvenuto a oltre 3 milioni di visitatori e occupazione a 426 persone. Una forza lavoro caratterizzata dal 93% di contratti a tempo indeterminato, e alla quale va sommato un indotto di altri 70 occupati.”

Iniziato a novembre 2012, il progetto di espansione e rinnovamento del negozio di Padova, con un investimento di € 7.690.000, ha aggiunto 2.000 mq. di superficie a quella esistente. Il nuovo negozio di 40.500 mq totali ha uno showroom di 6.990 mq e un’area mercato al piano terra di 6.936 mq, un doppio tunnel per i carrelli e nuovi bagni per i clienti. Al piano primo sono stati aggiunti 19 nuovi ambienti interamente arredati, per un totale di 65 diverse proposte di arredo completo di cui 3 interi appartamenti arredati. Al piano terra completamente rinnovati anche gli spazi dedicati ai complementi d’arredo per dare più ispirazione e nuove idee per vivere la casa.

Sono stati oltre 26 milioni i visitatori di IKEA a Padova dall’apertura. Un successo frutto dell’impegno di tutti i collaboratori che qui hanno lavorato: grazie a questa esperienza circa 70 persone sono cresciute in IKEA, andando a ricoprire posizioni di responsabilità anche in altri negozi presenti in Italia ed all’estero.

Per festeggiare, oltre a sconti e promozioni, tante attività ed eventi per animare le cinque giornate di inaugurazione. Programma disponibile su: www.ikea.it/padova.

Un bacio sulle labbra che ha fatto il giro del mondo. E’ quello che si sono scambiate le atlete russe Kseniya Ryzhova e Yulia Gushchina sul podio dei campionati mondiali di atletica di Mosca, dopo aver vinto la medaglia d’oro della staffetta 4x400. Un atto subito interpretato come segno di protesta contro la legge anti-gay varata recentemente dal Cremlino. Ne hanno parlato tutti, nei giorni scorsi, e se ne parlerà anche nella città del Santo, perché la ventiseienne Kseniya Ryzhova sarà una delle stelle dei 400 metri femminili, in programma nel Meeting di Padova domenica 1 settembre (allo Stadio Euganeo, dalle ore 19, a ingresso gratuito).
Doveroso precisare che la valenza politica del bacio è stata presto smentita. La portavoce della federazione Alla Glushenko ha parlato di «Storie gonfiate dai media occidentali. Il bacio era un’espressione di gioia per la vittoria e nient’altro». C’è chi ha fatto ricorso alla tradizione russa di baciarsi sulla bocca anche tra persone dello stesso sesso per salutarsi affettuosamente e, qualche giorno dopo, la stessa Ryzhova ha commentato nel corso di una conferenza stampa indetta ad hoc: «Bacio gay? Questo offende non solo noi, ma anche i nostri allenatori e l’atletica russa. In primo luogo, Yulia e io siamo sposate e non abbiamo alcuna relazione omosessuale. In secondo luogo, dopo otto anni abbiamo vinto la medaglia d’oro, per cui l’emozione era comprensibile».


Quale che fosse il significato del bacio, ha fatto passare in secondo piano quanto le atlete avevano fatto vedere in pista, andando a conquistare la medaglia d’oro con la 4x400 in 3’20”19, davanti a Stati Uniti e Gran Bretagna. Con Ryzhova, peraltro, parliamo di una specialista in grado di coprire il giro di pista in 49”80, suo primato personale firmato nel giugno di quest’anno, già campionessa europea indoor nel 2011 sempre con la staffetta e più volte sul podio nelle maggiori competizioni internazionali.

A Padova, Kseniya ritroverà nei 400 – gara che, come tutte le corse femminili, è promossa da Forema, società per la formazione e lo sviluppo d’impresa di Confindustria – un’altra compagna del fantastico quartetto d’oro di Mosca: la ventiseienne Antonina Krivoshapka che, ai campionati iridati, è salita sul podio anche nella prova individuale, conquistando la medaglia di bronzo in 49”78 (mentre il suo record personale è di 49”16). Andrà in scena, dunque, una sfida «in famiglia» di grande fascino tra due delle più forti specialiste internazionali. E se ai loro nomi si aggiunge quello di Libania Grenot – stella azzurra che a Padova nel 2012 bloccò il cronometro dei 200 dopo 22”85, realizzando la seconda miglior prestazione italiana all time, e che quest’anno torna raddoppiando la distanza – diventa scontato dire che i 400 metri femminili saranno una delle prove più attese. Una delle gare in cui allo Stadio Euganeo si potrà davvero respirare la magia di Mosca.

Nella foto (Reuters/Grigory Dukor) il bacio tra Kseniya Ryzhova (a sinistra) e Yulia Gushchina. Alla loro sinistra Tatyana Firova, a destra Antonina Krivoshapka

Tragico scontro tra moto questa mattina poco dopo le 11 all'autodromo di Adria (Rovigo). A perdere la vita nella collisione tra due motociclette Danny Trevisan, 29 anni di Este. Il giovane era in sella alla sua Kawasaki Ninja quando, per cause ancora in fase di accertamento, si è scontrato con un'altra moto, morendo sul colpo. Immediato il cordoglio su facebook (da cui è tratta questa foto) per l'appassionato delle due ruote, che piuttosto spesso amava andare in circuito a scaricare tutta la potenza della moto sull'asfalto in sicurezza, purtroppo sempre relativa e mai assoluta quando si tratta di velocità alte. Clicca qui per vedere il servizio di Antenna 3

Paura e rabbia ieri sera al Festival Young di Albignasego quando poco dopo le 23 un'automobile con due fratelli romeni a bordo ha imboccato la rotatoria della piazza a velocità folle, prendendo il volo dopo aver "pizzicato" il cordolo della rotatoria e finendo contro tre auto parcheggiate. Furiosa la reazione della gente che ha assistito alla scena. Fortunatamente a parte i due giovani all'interno dell'abitacolo dell'auto, non si sono registrati altri feriti

Foto tratta da facebook, ecco il video da Youreporter a questo link

Pagina 20 di 225