I capi contraffatti diventano opere di bene grazie alla Guardia di finanza di Cittadella

Nei giorni scorsi, militari della Guardia di Finanza della Compagnia di Cittadella (PD) hanno avviato le operazioni di consegna di circa 1000 capi di abbigliamento contraffatti, sequestrati nel corso di attività di polizia giudiziaria che hanno interessato le province di Padova, Vicenza, Venezia, Milano e Napoli.
Per poterne consentire il riutilizzo ai fini caritatevoli, le Fiamme Gialle hanno ottenuto dalla competente Autorità Giudiziaria, come alternativa alla distruzione, l'autorizzazione ad affidare i capi di vestiario, previa asportazione dei segni distintivi mendaci, riconducibili ad alcune note griffe nazionali, ad Enti caritatevoli, che sono stati poi individuati con l'ausilio dell'Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Cittadella.
I primi 200 capi, tra pantaloni e felpe, sono stati consegnati all'unità locale di Carmignano di Brenta (PD) dell'Associazione "Comunità Papa Giovanni XXIII", impegnata a contrastare l'emarginazione e la povertà.
L'iniziativa, fortemente voluta dalla Guardia di Finanza, si aggiunge ad analoghi interventi effettuati in altre località del Paese ed è frutto della stretta collaborazione anche a livello locale con le istituzioni pubbliche, tra cui, in particolare, l'Amministrazione comunale, e con le diverse realtà del volontariato e dell'associazionismo.